IFP Europe alla frontiera “verde” del made in Veneto

Il Gazzettino
Mercoledì 26 Agosto 2020

L’azienda padovana di Galliera ha messo a punto macchine di lavaggio modernissime ed ecologiche per prodotti in metallo.

L’impresa ha superato i 20 milioni di fatturato nel 2019 ed è leader nel suo settore esportando in tutto il mondo.

LA STORIA

Uno dei suoi più recenti macchinari, destinato alla Torneria Nicoletti di Trissino, nel Vicentino, è decorato con grandi alberi che si stagliano sul cielo azzurro. Le immagini ben simboleggiano la rivoluzione apportata dalla IFP Europe di Galliera Veneta (Padova) nel “grigio” mondo degli impianti per il lavaggio dei metalli.
Innovazione “green” e design: grazie a questi punti di forza, l’azienda padovana, in meno di un decennio, è diventata leader nel settore a livello internazionale e le sue apparecchiature, oltre all’Italia, sono in funzione negli stabilimenti di 21 paesi, dall’Europa (compresa la Germania, patria dei concorrenti storici) agli Stati Uniti, dal Brasile al Messico, dal Marocco alla Cina, alla Thailandia, fino alle Mauritius. «Realizziamo le macchine per lavare i più svariati componenti e minuteria in metallo per meccanica, automobili, biciclette, caldaie, oreficeria, ma anche per il medicale, come ad esempio strumenti chirurgici o protesi per l’implantologia dentale – spiega Giacomo Sabbadin, uno dei due titolari insieme ad Alberto Gobbo –. Tutti questi pezzi, appena finiti, presentano trucioli metallici, tracce di oli e grassi di lavorazione e altri residui e devono essere puliti, prima di poter venire im- piegati o messi in commercio».

«QUEST’ANNO C’É UN CALO MA ABBIAMO LAVORO FINO A FINE ANNO, SIAMO SOLIDI», DICE UNO DEI TITOLARI, GIACOMO SABBADIN

L’ESCLUSIVA

L’attività non è una novità, né un’esclusiva. A fare la differenza è però la tecnologia sviluppa- ta da IFP: a ciclo di lavorazione totalmente sottovuoto, utilizza come liquidi di lavaggio alcoli modificati e idrocarburi, molto meno inquinanti dei consueti solventi, garantendo prestazioni ad alta efficienza, ma, al tempo stesso, il completo riciclo dei prodotti usati (dunque con elevata eco-sostenibilità), un abbattimento dei consumi energetici e un raddoppio della capacità produttiva. «Siamo riusciti ad ottimizzare tutto il processo creando una macchina semplice e funzionale per sfruttare al meglio le caratteristiche di questi liquidi sgrassanti, di norma difficili da gestire», rimarca l’imprenditore.

FONDATA NEL 2010, LA SOCIETÁ É STATA TRA LE PRIME A PUNTARE SU DESIGN E COLORI PER RENDERE PIACEVOLI GLI AMBIENTI DI LAVORO

L’altra carta vincente è stato puntare, con un gusto tipicamente italiano, anche sull’estetica: fino ad allora parallelepipedi funzionali ma anonimi, gli impianti IFP sono stati i primi a mostrare colori e forme più morbide, rendendo gli ambienti in cui sono installati anche più piacevoli per chi ci lavora. Fondata nel 2010, l’impresa di Galliera, 30 dipendenti diretti, più un ampio indotto, ha conosciuto una crescita esponenziale, passando dai 700mila euro di fatturato degli esordi ai 24 milioni con cui si è chiuso l’ultimo esercizio. «All’inizio, scherzando tra noi, sognavamo di raggiungere i venti milioni nel 2020. Be’, li abbiamo superati – sottolinea Sabbadin -. Ora l’obiettivo è consolidare la posizione di primato in un mercato in costante evoluzione,nnovando sempre la nostra produzione». Per questo l’investimento in ricerca e sviluppo è continuo, anche in collaborazione con università e centri esterni. L’emergenza Covid e il lockdown hanno inevitabilmente segnato un brusco rallentamento: «Abbiamo perso due mesi, per di più nel periodo più florido dal punto di vista commerciale per il settore, tra marzo e maggio: i numeri non potranno essere quelli dell’anno scorso. Ci attendiamo un calo tra il 15 e il 20%, ma l’azienda è solida, può reggerlo senza troppi problemi. Abbiamo sempre un orizzonte di ordini di circa sei-otto mesi, dunque, grazie a quanto raccolto in precedenza, abbiamo lavoro assicurato almeno fino a fine anno. Certo, la speranza è che da settembre si possa tornare alla normalità: se nei prossimi mesi l’economia non ripartisse appieno o, peggio, fossimo co- stretti ad un nuovo blocco, la situazione diventerebbe pesante».
Mattia Zanardo

Cosa dicono di noi sulle testate di settore

Di seguito alcuni articoli, realizzati da nostri clienti, in cui vengono descritte le caratteristiche delle loro attività e come l’utilizzo dei nostri impianti di lavaggio sottovuoto contribuiscono alla realizzazione qualitativa dei loro prodotti.

Il Gazzettino

Mercoledì 26 Agosto 2020

IFP Europe alla frontiera “verde” del made in Veneto

L’azienda padovana di Galliera ha messo a punto macchine di lavaggio modernissime ed ecologiche per prodotti in metallo

IPCM® Industrial Cleaning Technologies

MAGGIO 2020

3B Fluid Power

La soluzione di lavaggio ad alcol modificato trasforma i pezzi lavati in un vantaggio strategico

L’impianto di lavaggio KP MAX 600 di IFP Europe.

IPCM® Industrial Cleaning Technologies

N. 17 – 2020 FEBRUARY

Almar

Il valore aggiunto del lavaggio per i componenti di sistemi doccia d’alta gamma cromati in PVD

IPCM® Industrial Cleaning Technologies

N.17 – 2020 FEBRUARY

OTERACCORDI

Un efficace processo di lavaggio consente un aumento dell’efficienza operativa e un risparmio energetico del 40%

LE DECOLLETAGE & industrie

SEPTEMBRE 2019

Lathuille Hudry

La première machine à laver hybride de la vallée

MACHINES PRODUCTION

2 SEPTEMBRE 2019

Lathuille Hudry

KP Hybrid, la machine à laver deux en un

EUROPEAN business

2019 JANUARY

The green way to wash

Interview with Giacomo Sabbadin, Managing Director of IFP Europe Srl.

IPCM® Industrial Cleaning Technologies

N. 14 – 2018 OCTOBER

IFP EUROPE

Impianti di lavaggio ecosostenibili: la chiave del successo di IFP Europe

L’AMMONITORE

#3 Anno 74 – Aprile 2018

IFP EUROPE

L’alcool modificato sta riscuotendo molto successo in applicazioni dove spesso venivano impiegati i solventi clorurati o acqua e detergenti. Questo grazie alla tecnologia altamente collaudata, la migliore presente sul mercato, di IFP Europe.

IPCM® Industrial Cleaning Technologies

n.9 – May 2016

Caleffi

La completa automazione per la massima qualità dei processi di lavaggio dei pezzi.

METAL CLEANING & FINISHING

n.85 – Gen/Feb/Mar 2016

Nuova Torneria Zanotti

Ritorno al futuro: dall’acqua al solvente

IPCM® Ibérica/Latino América Magazine

N. 13 – 2016 Febrero/Fevereiro

Bitron España

La estrategia del Grupo Bitron para el desengrase eficaz de los dispositivos mecatrónic

METAL CLEANING & FINISHING

Anno XXI – n.84 – Ott/Nov/Dic 2015

Ottoman

Innovare per competere: automazione spinta nel lavaggio della minuteria

IPCM® Ibérica/Latino América Magazine

N. 12 – 2015 Novembro/Noviembre

Ve-Ca

Planta de lavado ecológico para la limpieza de quincallería metálica de precisión

METAL CLEANING & FINISHING

Anno XXI – n. 83 – Lug/Ago/Set 2015

Biomec

Lavaggio di precisione per impianti dentali

INTERNATIONAL PAINT&COATING MAGAZINE

N. 7 – 2015 MAY

Sabaf

Componenti per cottura gas più sicuri grazie alla tecnologia di lavaggio ad alcoli modificati

INTERNATIONAL PAINT&COATING MAGAZINE

N. 31 – 2015 JANUARY/FEBRUARY

Valli&Valli

Il rilancio di un marchio storico di successo passa per l’innovazione tecnologica della fase di lavaggio

INTERNATIONAL PAINT&COATING MAGAZINE

JUNE 2014

Galtech

Dal percloroetilene agli alcoli modificati per il lavaggio di componenti oleodinamici: un percorso virtuoso

INTERNATIONAL PAINT&COATING MAGAZINE

MARCH 2014

Metal Work

Un’unica soluzione per il lavaggio di componenti multimetal trattati con lubrorefrigeranti diversi

INTERNATIONAL PAINT&COATING MAGAZINE

OCTOBER 2013

A&B Torneria

Lavaggio sottovuoto ad alcool modificato: un fattore di successo della IFP EUROPE nella torneria meccanica di precisione

INTERNATIONAL PAINT&COATING MAGAZINE

JULY 2013

IFP Europe

Creata da un team di tecnici con una grande esperienza nel settore del lavaggio industriale, IFP è tra i leader europei del suo mercato di riferimento